MEDITAZIONE GUIDATA

Di | 2018-05-01T09:41:46+00:00 19 aprile 2017|meditazione, yoga|

Risvegliare i Chakra

Ho deciso di realizzare questa meditazione guidata spinto dall’entusiasmo e dal desiderio di meditare dei miei allievi, infatti sono stati proprio loro a suggerirmi di realizzare un audio che potesse facilitare l’introspezione in quei momenti in cui si pratica a casa al di fuori della meditazione collettiva che tengo tutte le settimane.

L’idea della meditazione guidata è quella di fornire delle linee guida che il Sadhaka (praticante) può ascoltare le prime volte per prendere confidenza con la tecnica, in seguito, dopo averla acquisita è buona cosa cimentarsi senza il supporto audio, per entrare realmente in profondità rispettando i propri tempi.

Quella che propongo è una meditazione molto semplice basata su di una visualizzazione, è una tecnica di meditazione attiva, infatti attraverso l’intento visualizziamo la nostra energia portando la mente in punti specifici del corpo, risvegliamo così la consapevolezza della nostra anatomia sottile, quella non visibile ad occhio nudo, ma percepibile con un costante allenamento che ci aiuta a risvegliare le nostre facoltà nascoste.

Questa tecnica è adatta a tutti anche a chi non ha mai praticato yoga e meditazione, i requisiti sono voglia di dedicarsi un momento e distaccarsi dal flusso incessante dei pensieri, mettersi in gioco ed esplorare se stessi. Per praticarla non è necessario avere una conoscenza dettagliata dell’anatomia sottile, in quanto attraverso l’audio ti aiuterò a portare l’attenzione ai tuoi centri energetici in modo molto semplice, indicandoti la loro localizzazione ed invitandoti a visualizzarli come dei soli che splendono.

Attraverso questa pratica della durata di circa 20 minuti, potrai sviluppare capacità di concentrazione e di auto osservazione, potrai utilizzarla ogni volta che desidererai ritirare i tuoi sensi dal mondo esterno ed armonizzare il tuo essere, praticandola con costanza imparerai inizialmente con un minimo di fantasia a visualizzare i tuoi chakra ed in seguito a percepirli.

COSA SONO I CHAKRA?

I chakra sono nuclei di controllo della sfera fisica e psichica, il termine chakra significa “ruota di luce”, oltre ad essere dei centri di coscienza sono centri di trasformazione dell’energia vitale.

Gli antichi yogi ne hanno intercettato l’esistenza attraverso lunghi periodi di meditazione, sviluppando la capacità di ascoltare in profondità fino a percepire le strutture vibratorie sottili del corpo e della mente.

I chakra corrispondono a punti precisi della colonna vertebrale e sono correlati alle ghiandole endocrine pertanto controllano le funzioni del corpo e gli stati mentali.

I principali chakra sono 7:

  • Muladhara: è il chakra della radice, ci fornisce la base per la nostra vita fisica, le ghiandole endocrine corrispondenti sono le surrenali. È posizionato all’interno del corpo, alla base della colonna vertebrale tra ano e genitali.
  • Svadhisthana: il suo campo di comportamento è la vitalità, espressione sessuale, le ghiandole corrispondenti sono le gonadi, è localizzato all’interno del corpo, nel basso addome tra ombelico e genitali.
  • Manipura: è correlato al potere personale e all’autorealizzazione, la ghiandola endocrina corrispondente è il pancreas, è posizionato all’altezza dell’ombelico.
  • Anahata: amore e relazioni sono governati da questo centro che trova corrispondenza con il timo e che è posizionato al centro del petto.
  • Vishuddha: da esso dipende la comunicazione e l’espressione del sé, la ghiandola endocrina accoppiata è la tiroide, si trova nell’area della gola.
  • Ajna: intuizione e intelletto sono le sue caratteristiche principali, la ghiandola abbinata è la pituitaria, è posizionato in alto tra le sopracciglia.
  • Sahasrara: è il chakra della spiritualità, corrisponde alla ghiandola pineale, si trova alla sommità della testa.

 

Dopo questa panoramica sui chakra è giunto il momento di meditare!

Quindi ti auguro buona pratica, ti consiglio di scegliere un posto tranquillo e silenzioso in cui non puoi essere interrotto, spegni il telefono e prepara il tuo spazio sacro, accogli ciò che arriva dalla meditazione senza giudizio alcuno e pratica a stomaco vuoto!

Se la posizione seduto a gambe incrociate non ti è agevole puoi anche praticare seduto su di una sedia mantenendo eretta la colonna vertebrale ed i piedi ben piantati a terra!

NAMASTE

Chi è l' Autore:

Vincenzo
Ciao sono Vincenzo Citto, il mio nome in sanscrito è VINAYAKA e mi è stato assegnato dai monaci che ho avuto la fortuna di incontrare nel cammino i quali mi guidano nella meditazione e sono i miei maestri nel Tantra Yoga. Grazie allo Yoga ho trovato la direzione sana e ricca da dare alla mia esistenza e mi trovo, adesso, a percorrere questo luminoso cammino verso la consapevolezza, senza sforzo e senza rinunce ma con pienezza, serena accettazione e amore per la vita.

Lascia un Commento