10 consigli efficaci per praticare bene la Meditazione

Di | 2018-04-27T15:35:35+00:00 5 marzo 2018|meditazione, yoga|

La meditazione può apportare notevoli benefici psicologici se effettuata correttamente e con costanza. Scopri i consigli del Centro Tao di Messina

Sempre più frequentemente capita di sentir parlare di meditazione ma, perchè essa non sia considerata solo  un hobby new age, un fenomeno di tendenza senza un reale valore, occorre scoprirne alcune fondamentali caratteristiche. Noi del Centro Tao di Messina, associazione culturale attiva nel diffondere la cultura e la pratica dello yoga, abbiamo sempre ritenuto importante promuovere la conoscenza teorica e pratica della meditazione. I benefici che essa può apportare sono numerosi: può alleviare il dolore, potenziare il sistema immunitario, aumentare la fiducia in sé stessi,  sviluppare la creatività, la concentrazione e perfino la felicità. Ovviamente, ciò può avvenire a condizione di praticare la meditazione in modo corretto e continuativo.

Vuoi imparare la tecnica giusta? Chiedi adesso info sul corso di Meditazione

Ecco, quindi, il decalogo del Centro Tao per un buon esercizio della meditazione.

1. Medita sempre alla stessa ora

È importante la regolarità nella pratica della meditazione. Per questo motivo è opportuno meditare sempre alla stessa ora. La nostra mente è come un muscolo, tutti sappiamo che se vogliamo far crescere i muscoli abbiamo bisogno di recarci in palestra a degli orari prestabiliti e con una certa costanza. In questo modo creiamo la memoria corporea che predispone il muscolo a fortificarsi o nel nostro caso la mente ad espandersi.

==>Info sul corso di meditazione del Centro Tao

2. Sii perseverante

La motivazione è fondamentale se vuoi raggiungere un obiettivo, quindi sii determinato e dedica ogni giorno un po’ di tempo alla pratica della meditazione. Spesso ci raccontiamo che non abbiamo tempo perché ad  esempio preferiamo dormire un po’ di più al mattino e tralasciamo questo spazio prezioso per noi, riducendoci poi a fare tutto di fretta ma se dedichiamo un po’ di tempo alla meditazione la giornata fluisce più armoniosa. Un  consiglio: se, ad esempio, capitasse che  un mattino  tu non abbia tempo per la meditazione, prova a posticipare la colazione o, se impossibile,  preferisci la meditazione alla colazione. E inoltre, rifletti su quanto tempo sprechiamo davanti al telefonino o al computer. Se vuoi davvero, il tempo per meditare puoi trovarlo.

3. Medita almeno 2 volte al giorno

L’ideale sarebbe meditare al mattino prima di colazione e la sera prima di cena. Anche i grandi maestri del Tantra Yoga dicevano che “è fondamentale eseguire il Sàdhàna (pratica spirituale) immancabilmente due volte al giorno per avere la garanzia sicura della propria liberazione”

4. Medita sempre nello stesso posto

corso-meditazione-messinaE’ utile scegliere un posto per la meditazione e dedicarlo esclusivamente ad essa. I luoghi si caricano dei nostri intenti e propositi, acquisendo potere e fortificando la nostra pratica. Puoi scegliere un angolo della tua casa e renderlo sacro, arredandolo a tuo piacimento ricreando una suggestiva ambientazione e foto di maestri ispiranti. Anche utilizzare sempre gli stessi indumenti per la meditazione ha la sua influenza.

5. Elimina le interruzioni

Quando mediti stacca il telefono, il computer ed ogni fonte di distrazione; assicurati che nessuno interrompa la tua pratica, tanto una volta finita la meditazione le distrazioni esterne non mancheranno. Concediti la libertà di viverti appieno i tuoi minuti di silenzio.

Chiedi info sul corso di meditazione del Centro Tao!

6. Medita a stomaco vuoto

Meditare a stomaco vuoto favorisce la meditazione: se mediti dopo aver mangiato la tua mente sarà assorbita dal processo della digestione e sarà molto difficile avere successo nella pratica introspettiva.

7. Leggi libri ispiranti

Leggere libri che trattano di meditazione o spiritualità ti aiuterà notevolmente, accrescerà la tua motivazione e ti sentirai più ispirato. Conoscere la filosofia è nutrire il nostro intelletto, tuttavia ciò che conta di più è la pratica.

8. Siedi in una posizione confortevole ed eretta

E’ sconsigliato meditare da sdraiati perché il rischio è quello di addormentarsi. Stando seduti invece la mente rimane sveglia ed i centri di coscienza (Chakra) sono allineati: questo è un requisito importante. L’ideale sarebbe incrociare le gambe durante la meditazione, tuttavia all’inizio può essere faticoso. Il consiglio, quindi,  è di iniziare con le gambe incrociate o raccolte e, appena la posizione diventa disagevole, si possono distendere e continuare comunque la meditazione. corso-di-meditazione-messina Praticando con regolarità sarà più facile mantenere la posizione. Chi pratica con costanza per almeno 3 mesi può sperimentare la sensazione che il corpo sia una illusione. In casi in cui non sia possibile sedere a gambe incrociate per via di disagi fisici, è comunque possibile meditare sedendo su di una sedia e mantenendo la schiena dritta.

9. Frequenta buone compagnie

Frequentare ambienti spirituali e persone positive ci aiuta a tenere pulita la mente. Ricordiamoci che il nostro nutrimento non avviene soltanto attraverso il cibo, ma anche attraverso ciò di cui ci nutriamo in termini di emozioni, amicizie e grazie allo stile di vita che conduciamo.

10. Segui una dieta Vegetariana

È ormai dimostrato anche dalla scienza che il cibo influenza il nostro modo di pensare e di essere. Uno dei principi fondamentali dello yoga è “Ahimsà”, la non violenza, e sappiamo tutti che gli animali non decidono spontaneamente di essere uccisi per essere mangiati, quindi nutrendoci di violenza anche la nostra mente si impregnerà di essa. Ma a parte l’aspetto filosofico, se analizziamo l’aspetto chimico, la carne macellata contiene adrenalina, estrogeni e anabolizzanti che alterano l’equilibrio ormonale dell’uomo, oltre a precursori della dopamina e norepinefrina che determinano un comportamento aggressivo e violento. Ecco spiegato perché gli yogi si nutrono di cereali e verdure che contengono amminoacidi precursori della serotonina che genera in noi la sensazione di rilassamento e calma. I cibi “senzienti” che aiutano a progredire nella meditazione sono frutta verdura, cereali, legumi, latte e latticini. Non resta che augurati BUONA MEDITAZIONE! Ti aspetto al corso. Si parte il 20 marzo!

RICHIEDI INFO!

Acconsento all'uso dei dati personali secondo la direttiva della Privacy disponibile qui

Chi è l' Autore:

Vincenzo
Ciao sono Vincenzo Citto, il mio nome in sanscrito è VINAYAKA e mi è stato assegnato dai monaci che ho avuto la fortuna di incontrare nel cammino i quali mi guidano nella meditazione e sono i miei maestri nel Tantra Yoga. Grazie allo Yoga ho trovato la direzione sana e ricca da dare alla mia esistenza e mi trovo, adesso, a percorrere questo luminoso cammino verso la consapevolezza, senza sforzo e senza rinunce ma con pienezza, serena accettazione e amore per la vita.

Lascia un Commento