Scopri come accrescere la tua salute fisica e la forza mentale!

Per mantenerci sani e purificati nel corpo e nella mente il miglior sistema è il digiuno regolare insieme ad una alimentazione equilibrata, alla pratica delle asanas ed alle pratiche spirituali.

Il digiuno permette agli intestini e agli altri organi interni di riposarsi e permette di espellere le tossine accumulate, questo è molto importante se consideriamo che la maggior parte delle malattie originano nel tratto gastrointestinale.

L’acqua costituisce oltre il 70% del nostro corpo ed è influenzata dal magnetismo della luna, digiunando in prossimità di alcune fasi lunari, possiamo quindi purificare il corpo dalle tossine e nel contempo eliminare dalla mente i pensieri disturbanti, inoltre invitiamo la linfa vitale “Shukra” a nutrire i centri spirituali più sottili.

QUANDO DIGIUNARE

  • durante la luna piena e la luna nuova (PURIMA e AMAVASYA)

durante queste fasi il fattore gassoso e il fattore liquido risalgono verso il torace e la testa, quindi se digiuniamo in presenza di queste fasi lunari impediamo l’ascensione dei gas intestinali e di vapori acidi dal tratto gastrointestinale al cervello, poiché astenendoci dal cibo manteniamo chiusi il cardias ed il piloro, ovvero le valvole dello stomaco.

  • ad undici giorni di distanza dalla luna piena e dalla luna nuova (EKADASHI)

I giorni più adatti per ottenere benefici di tipo spirituale sono i giorni di “Ekadashi” che significa undici, infatti secondo la scienza dello yoga i giorni ideali per il digiuno sono undici giorni dopo la luna nuova e undici giorni dopo la luna piena. I praticanti esperti possono beneficiare di stati estatici dovuti al rilascio di un ormone (AMRTA) secreto dalla ghiandola pineale.

Nelle rappresentazioni di Shiva (nella foto a sinistra) possiamo infatti notare una mezza luna sulla sua testa, essa sta a simboleggiare EKADASHI il giorno in cui Shiva andava in trance mistico (SAMADHI).

PRECAUZIONI

Per praticare il digiuno con regolarità è importante godere di buona salute e praticare uno stile di vita sano.

Nel Tantra Yoga, i soggetti esenti da disturbi cardiaci e renali possono praticare il digiuno a secco astenendosi anche dai liquidi. I bambini e le donne in gravidanza o in allattamento devono astenersi dal digiuno.

COME DIGIUNARE

Un digiuno completo si inizia dopo la cena per tutto il giorno a seguire e si termina con la colazione del giorno seguente. Se si è nuovi a questa pratica bisogna avvicinarsi gradualmente, inizialmente saltando il pasto serale, oppure mangiando le prime volte della frutta, poi in seguito bevendo acqua e dopo aver maturato una certa esperienza è possibile passare al digiuno a secco.

Per terminare il digiuno, bisogna seguire un procedimento ben preciso:

  • Lavare i denti e la bocca al mattino per eliminare le tossine evaporate durante la notte.
  • Bere circa un litro di acqua tiepida e sale con succo di limone per pulire l’intestino e creare una azione lassativa.
  • Dopo mezz’ora mangiare una banana matura senza masticarla troppo così da stimolare l’evacuazione dell’intestino ed ottenere un effetto benefico sulla mucosa gastrica.
  • Prima di fare colazione aspettare l’evacuazione per evitare di riassorbire le tossine.
  • Dopo l’evacuazione, la colazione ideale è a base di frutta fresca e yogurt.
  • Pranzare con verdure e riso per remineralizzare l’intestino.

LO SAPEVI CHE…

Nello Yoga il digiuno è considerato una pratica Psicospirituale: il giorno del digiuno viene detto in sanscrito “UPAVASA” upa=vicino, vasa=dimora divina, in quanto questa pratica consente di avvicinarsi al Divino

RICHIEDI INFORMAZIONI

Acconsento all'uso dei dati personali secondo la direttiva della Privacy disponibile qui